Hollywood & Will

Da sempre, le opere di W. sono fonte inesauribile di ispirazioni per i registi hollywoodiani…
qui di seguito vi cito alcuni film, più o meno fedeli, ma tutti da vedere…
Amleto è il personaggio più sfruttato, grazie anche alla sua terribile contemporaneetà… Ma Romeo&Giulietta è sempre stato molto amato, oltre che dal cinema, anche dal teatro

La versione più fedele dell’Amleto è di Laurence Olivier (1948), interpretata dallo stesso Olivier, Jane Simmons, Eileen Herlie, Basil Sidney, Peter Cushing. Fedele al testo teatrale, girato a Elsinore in Danimarca, basato su una sceneggiatura di Alan Dent e di Olivier, è decisamente un film imperdibile per gli appassionati di W.
Un Leone d’oro a Venezia e quattro Oscar (migliore pellicola, attore (Olivier), scenografia e costumi) i premi ricevuti…
Al contrario del film di Olivier, che si focalizza soprattutto sull’interiorità del personaggio, l’Amleto di Grigorij Kozincev (1963) si concentra sul contesto storico, sulle guerre per la successione al trono. Amleto è interpretato da un notevole Innokentij Smoktunovskij.
Del 1990 è invece l’Amleto di Franco Zeffirelli… probabilmente il più hollywwodiano di tutti. A Mel Gibson è affidato il ruolo del protagonista, e il cast annovera talenti quali Glenn Close, Alan Bates, Paul Scofield, Helena Bonham-Carter . Da menzionare anche i costumi e le scenografie, dei premi oscar Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.
Da ricordare la trasposizione moderna Hamlet 2000, di Almereyda, con Ethan Hawke, Kyle MacLachlan, Diane Venora, ambientato nella NY del nuovo millennio.

Di Zeffirelli è anche il Romeo e Giulietta, fedelissimo e indimenticabile, del ’68… non si può non vederlo…
I più ricorderanno poi la versione modernizzata ma non per questo meno fedele di Baz Luhurman con Claire Danes e Leonardo Di Caprio.

La versione più classica dell’Enrico V è sempre di Laurence Olivier del ’44, con lo stesso Olivier nel ruolo del re, per un’interpretazione che gli valse un Oscar speciale “per lo straordinario risultato ottenuto come attore, regista e produttore”.
E’ invece dell’89 la versione di Kenneth Branagh, molto apprezzata da pubblico e critica.

Di Laurende Olivier anche l’Otello del 1965. Il cast è composto da Maggie Smith, Frank Finlay, Derek Jacobi e, ovviamente, dallo stesso Olivier.
Un’altra versione è del 1952 e ha come protagonisti un grande Orson Welles, Suzanne Cloutier e Robert Coote.

Di Orson Welles è anche il Macbeth del ’48, con Jeanette Nolan e Roddy Mc Dowell.
Cupo, ma fedele all’originale quello di Roman Polanski, del ’71, con John Finch e Francesca Annis.

Tra le commedie sono da ricordare Molto rumore per nulla di Kenneth Branagh, e interpretata da Branagh, Emma Thompson, Denzel Washington, Keanu Reeves e Michael Keaton.
Infine, concludo con il recente (2004) Mercante di Venezia di Michael Radford, interpretato da Jeremy Irons, un grandissimo Al Pacino, Joseph Fiennes e Lynn Collins.

Hollywood & Willultima modifica: 2008-05-20T13:35:00+02:00da writerleila
Reposta per primo quest’articolo