A Midsummer Night’s Dream – Sogno di una notte di mezza estate

Probabilmente scritta per il matrimonio tra Sir Thomas Berkeley ed Elizabeth Carey, l’opera risente molto gli influssi classici, soprattutto di Ovidio e Apuleio.

La commedia è formata in realtà da tre storie, con il matrimonio tra Teseo, duca di Atene, e Ippolita, regina delle amazzoni, a fare da cornice e collante.

I protagonisti delle storie si incontrano nel bosco, per le nozze appunto; un gruppo di artigiani vuole mettere in scena la tragedia di Piramo e Tisbe, e si riunisce per le prove. Fra di loro spicca Nick Bottom, il Tessitore, uno dei più apprezzati personaggi comici di W.

Nel bosco sono scappati, nel frattempo, Ermia e Lisandro, e Elena e Demetrio. I due ragazzi sono entrambi innamorati di Ermia, che però ama Lisandro, mentre l’amica Elena è innamorata di Demetrio; a complicare ancora più le cose, il padre di Ermia che vuole darla in sposa a Demetrio. I quattro, nel bosco, però si perdono.

Infine Oberon, re degli elfi, e la moglie Titania regina delle fate; tra i due nasce una disputa a proposito di un servo indiano che Oberon vuole usare come suo paggio. Il re incontra le resistenze di Titania, così decide di punirla e riconquistarla facendole spremere nel sonno sugli occhi il succo del fiore vermiglio di Cupido, che fa innamorare della prima persona che si incontra al risveglio.

Per mettere in atto il suo piano si affida a Puck, e presosi a cuore l’amore non corrisposto di Elena, spinge Puck a spremere il succo anche sugli occhi di Demetrio.  Per errore, però, lo spremerà sugli occhi di Lisandro, così al risveglio il ragazzo vede Elena e se ne innamora perdutamente, con grande disappunto di Ermia.

Titania invece vedrà Bottom, cui Puck nel frattempo ha trasformato la testa in asino, e se innamorerà; ma Oberon, realizzata la sua vendetta, accetta di scioglierla dall’incantesimo e Puck risistema la testa del povero Bottom. 367fcbda136853cfc1481a4399be5d69.jpgOberon, poi, accortosi dell’errore di Puck, mette del succo sugli occhi di Demetrio, ma così sia Lisandro che Demetrio si contendono l’amore di Elena. Alla fine Puck, su ordine di Oberon, fa scendere una nebbia fatata sul bosco che fa addormentare i quattro ragazzi, quindi utilizza la pozione per far sì che Lisandro ami di nuovo Ermia. Così ora tutto è a posto: Oberon e Titania sono riconciliati, e i quattro giovani sono due coppie.

Nel frattempo i teatranti sono disperati per la scomparsa di Bottom, che aveva il ruolo principale; questo tornerà provvidenzialmente, quando ormai lo spettacolo stava per essere abbandonato, così gli artigiani potranno esibirsi. Lo spettacolo sarà, in realtà, piuttosto comico, ma proprio per questo molto apprezzato.

La dimensione onirica regna incontrastata in quest’opera… amore, magia, arte: ogni elemento tematico si collega al sogno, al punto che  delle varie situazioni presentate in quest’opera, quella più realistica e credibile  è quella legata alla compagnia degli attori, per antonomasia figli di un mondo di finzioni.

Commedia piacevole e divertente, per ogni genere di lettore.

OBERON: “Cercan gli amanti luogo ove far lotte: corri, Bertino, ad oscurar la notte; sullo stellato le cortine aduna di nebbia, al pari d’Acheronte bruna e i rivali furenti disvia tu, sì che non possan ritrovarsi più. Talora imita Lisandro alla voce, indi a Demetrio scaglia ingiuria atroce; talora in guisa di Demetrio irridi; e ciò lontano l’un dall’altro guidi, sinché, con piè di piombo e glabre ali, su lor, simile a morte, il sonno cali: tu spremi, allor, di Lisandro sugli occhi quest’erba, il cui licor, sol che li tocchi farà che il guardo lor, disincantato, si rivolga a veder nel modo usato. Nel risveglio d’entrambi, ogni irrisione parrà sogno ed inane visione; e torneranno ad Atene gli amanti, per esser fino a morte ognor costanti. Mentre quest’incombenza a te commetto, mi riserbo ottener che il giovinetto indiano la regina a me conceda; allor permetterò che non più leda l’occhio suo, per magia, cotanto orrore, e tornerà la pace in ogni cuore. “

A Midsummer Night’s Dream – Sogno di una notte di mezza estateultima modifica: 2008-05-21T15:05:00+02:00da writerleila
Reposta per primo quest’articolo